Fashion, Arte e 3D: il futuro virtuale della passerella

3d-passerella-virtuale-ologramma

This post is also available in: English

Tra le grandi tentazioni espressive della moda contemporanea troviamo le sfilate virtuali, una dimensione creativa in grado di shakerare un micidiale cocktail fatto da Fashion, Arte e 3D. Grazie alle nuove tecnologie è infatti possibile catalizzare una pluralità di linguaggi per coinvolgere ed emozionare un pubblico sempre più esigente.

L’innovazione non è soltanto nel prodotto, il modo in cui lo si presenta diventa fondamentale per differenziarsi dalla massa.

Ne sanno qualcosa i designer di Pinar&Viola, che alla Amsterdam Fashion Week 2016 hanno creato una passerella virtuale per la collezione della stilista olandese Amber Jae Slooten: un’esperienza è in grado di proiettare abiti in 3D su modelle vere. Non parliamo dunque di un futuro lontano, della fantascienza del genere, ma di scenari già in atto, cui è possibile rivolgere in maniera proficua le proprie attenzioni.

L’installazione artistica di Pinar&Viola è stata realizzata grazie al projection mapping 3D. Grazie ad una tecnologia di tracking 3D, i proiettori generano gli ologrammi che sono in grado di riconoscere e adattarsi ai corpi delle modelle, che indossano una tuta neutra in color pelle. Gli abiti della collezione virtuale sono il risultato di un processo di simulazione e modellazione 3D, capace di reagire in maniera credibile e realistica al movimento delle indossatrici.

La stilista Amber Jae Slooten ritiene che 3D e moda costituiscano un binomio vincente: “Spero si possa assistere a qualcosa di simile a quanto è avvenuto ad esempio nell’architettura e nel automotive. Con queste tecnologie possiamo trasformare il design artigianale in qualcosa di molto più virtuale“.

  • Progettazione 3D –  Simulazione Fisica dei tessuti, modellazione tridimensionale dal concept all’esecutivo di produzione.
  • Prototipazione virtuale –  Rendering Fotorealistici, per ridurre il time to market del prodotto e il numero di campioni fisici rispetto ai processi tradizionali.
  • Mass CustomizationStampa 3D per produrre on-demand i prodotti sulla base delle esigenze del cliente, riducendo inoltre le esigenze di magazzino ed i costi legati alla logistica.
  • Retail – Esperienze in Realtà Virtuale e Realtà Aumentata per catturare l’attenzione del cliente e coinvolgerlo in maniera esclusiva con il brand e i suoi prodotti.
  • OnlineConfiguratori 3D real time per una customer experience realistica. Integrazione con le piattaforme e-commerce.
  • Digital Marketing – Uno Studio Fotografico Virtuale può produrre immagini fotorealistiche e illustrazioni utili alla redazione dei cataloghi di prodotto

Come sostiene la Jae Slooten, la produzione di abiti, calzature e gioielli è proiettata verso una dimensione sempre più digitale.

Per ulteriori approfondimenti su 3D e Fashion Tech vi suggeriamo la lettura dei seguenti articoli di 3D Stories.

This post is also available in: English

Related Articles

About author View all posts Author website

Francesco La Trofa

Francesco La Trofa

Architetto e giornalista, con 20 anni di esperienza nelle tecnologie 3D.
Consulente di enti pubblici e aziende 3D per aspetti legati alla progettazione e alla comunicazione.
Responsabile dei contenuti editoriali di Treddi.com e co-fondatore dei Digital Drawing Days, evento unico nel suo genere in Italia.
Collabora attivamente nella ricerca e nella didattica presso il Politecnico di Milano.
Per Protocube Reply cura 3D STORIES.