Il robottino che “sente” il futuro. La stampa 3D a Campus Party

Robot stampa 3d campus party

This post is also available in: English

Dal 20 al 22 luglio a Milano si è svolta la prima tappa italiana di Campus Party,  il principale evento open innovation al mondo. Una tre giorni di full immersion nell’innovazione e nelle tecnologie del futuro, con gli hackaton che hanno visto impegnati migliaia di giovani campusero, oltre a centinaia di talk e workshop tenuti dai più importanti esperti negli ambiti della creatività, della tecnologia, del coding, della scienza, del business e dell’entertainment.

Tra le numerose iniziative che hanno coinvolto Protocube Reply in qualità di partner ufficiale di Campus Party c’è stata la conduzione del workshop “Una notte con la stampa 3D“, in cui Marco Cravero ha coinvolto molti appassionati al tema della modellazione 3D di un simpatico robot focalizzato sul tema generale della prima edizione dell’evento: Feel the Future.

Il robot è stato successivamente stampato in 3D nell’ambito della congiunta iniziativa Meet 3D Printing, realizzata a Campus Party in collaborazione con Treddi.com.

Robot stampa 3d campus party Robot stampa 3d campus party Robot stampa 3d campus party Robot stampa 3d campus party Robot stampa 3d campus party Robot stampa 3d campus party Robot stampa 3d campus party Robot stampa 3d campus party Robot stampa 3d campus party Robot stampa 3d campus party Robot stampa 3d campus party

 

Vediamo, attraverso alcune slide utilizzate durante “Una Notte con la Stampa 3D” i dettagli relativi alla realizzazione di una creatura che, pur nella sua semplicità concettuale, sintetizza i fondamentali più importanti della modellazione per la stampa 3D.

robot stampa 3d

Una Notte con la Stampa 3D ha visto lo svolgimento di due temi fondamentali. 1- I concetti di base della stampa 3D e 2- la modellazione per la stampa 3D di un robot sul tema di “Feel the Future” il claim di Campus Party 2017 (credits Protocube Reply)

robot stampa 3d

L’esposizione del workshop è stata declinata in modo da consentire il suo svolgimento ad un pubblico eterogeneo, composto sia da utenti già in possesso di conoscenze basilari sulla stampa 3D, sia di neofiti sull’argomento (credits Protocube Reply)

robot stampa 3d

La definizione della scala di rappresentazione restituisce le dimensioni del modello finale e il suo livello di dettaglio, orientando anche la scelta della tecnologia di stampa 3D più congeniale per il raggiungimento del risultato previsto. Il robot di Campus Party è stato prodotto in resina con una Formlabs 2, tra le stampanti desktop più popolari in commercio, grazie all’eccezionale rapporto prezzo-prestazioni, unito alla sua portabilità (credits Protocube Reply)

robot stampa 3d

La modellazione per la stampa 3D prevede che tutte le superfici debbano essere chiuse e che tutti gli elementi abbiano uno spessore minimo. La scelta di questi parametri dipende in gran parte dalle dimensioni dell’oggetto, dal materiale e dalla tecnologia di stampa utilizzata. L’obiettivo è la ricerca del miglior compromesso tra il livello di dettaglio consentito dalla risoluzione di stampa e la quantità di materiale utilizzato. (credits Sculpteo)

robot stampa 3d

Nella definizione degli spessori minimi del modello (minimum wall thickness) è necessario tenere conto anche degli aspetti funzionali, prevedendo opportuni accorgimenti per quelle che saranno le zone più sollecitate (credits Protocube Reply)

robot stampa 3d

Alcune parti del modello, il cui aspetto esteriore risulta essenzialmente compatto, comportano la necessità di realizzare delle parti cave (hollow parts) ai fini di ottimizzare la quantità di materiale utilizzato. E’ possibile raggiungere questo risultato in molti modi. Direttamente dalla modellazione, con procedure di tipo “loft” o “rivoluzione” del profilo dell’oggetto, oppure “svuotando” successivamente un oggetto pieno, grazie all’utilizzo di alcuni software in grado di effettuare in automatico questa operazione. Allo svuotamento del modello digitale è necessario aggiungere accorgimenti (es. fori nell’oggetto) che consentano la fuoriuscita delle parti di materiale che non vengono consolidate durante il processo di stampa (credits Protocube Reply)

robot stampa 3d

Il livello di dettaglio della mesh va definito sulla base del raggiungimento di una serie di obiettivi ben precisi, cercando l’ottimizzazione tra il peso del file e il livello di dettaglio del modello previsto per la fase di stampa. Si tratta di una operazione molto importante soprattutto quando si definisce il progetto con un modellatore NURBS (es. Rhinoceros), da cui è necessario convertire in mesh durante il processo di esportazione. Una mesh dalla topologia “sporca”, come quella che vediamo a sinistra nell’immagine, può facilmente generare errori ed artefatti durante la fase di stampa (credits Protocube Reply)

Per casi di approfondimento sulla modellazione per la stampa 3D:

UN TROFEO IN STAMPA 3D

STAMPA 3D E INTERIOR DESIGN: COMUNICARE IL PROGETTO

MODELLO 3D E ARCHITETTURA: PROGETTO, MARKETING, CULTURA

This post is also available in: English

Related Articles

About author View all posts Author website

Francesco La Trofa

Francesco La Trofa

Architetto e giornalista, con 20 anni di esperienza nelle tecnologie 3D.
Consulente di enti pubblici e aziende 3D per aspetti legati alla progettazione e alla comunicazione.
Responsabile dei contenuti editoriali di Treddi.com e co-fondatore dei Digital Drawing Days, evento unico nel suo genere in Italia.
Collabora attivamente nella ricerca e nella didattica presso il Politecnico di Milano.
Per Protocube Reply cura 3D STORIES.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *